Pagine

giovedì 29 settembre 2016

Miles Davis, 25 anni fa moriva il genio del jazz


È stato uno dei più importanti artisti del Novecento. Si definiva 'Il principe dell'oscurità' e con le sue pre-visioni musicali ha anticipato stile e correnti non solo in ambito jazz. Il ritratto di un artista divorato dalla creatività e dalla solitudine

Dalla morte di Miles Davis è già passato un quarto di secolo, 28 settembre 1991. Ma nulla sembra cambiato: la sua - come quelle di Jelly Roll Morton, Scott Joplin, Beiderbecke, King Oliver, Armstrong, Ellington, Monk, Coltrane e Ornette Coleman, tanto per fermarsi al jazz - è una di quelle presenze che non trascorrono mai, e neppure si attenuano, nel fluire del tempo. È come ne restassero fuori. Anzi è esattamente quel che fanno: destino comune di tutti i classici. Per i quali le graduatorie non han senso alcuno: in quelle terre vale solo il gusto personale, qualunque scelta in quei cieli ha diritto di cittadinanza.

giovedì 4 agosto 2016

Tonnarelli al profumo mediterraneo



Ingredienti per 4 persone

500 grammi di tonnarelli
Sale
Per il condimento
150 Grammi di pomodorino rosso vesuviano tagliati a metà
Mezza cipolla  di tropea non grande
Un aglio in quattro fette
20 grammi di pinoli
20 grammi di uva passa inumidita in un po di acqua
Pepe bianco
Olio extravergine Tonda Iblea
Semi di finocchio
Sale
Mezzo bicchiere di brodo vegetale
Per guarnire il piatto
Bottarga in polvere
Per decorare il piatto
8 sarde o alici  in aceto aromatizzato alla  cipolla rossa, scorze di arancia e menta (vedi ricetta pubblicata nella sezione piatti di pesce)

Preparare il condimento tritando la cipolla e facendola sudare  con l’olio e l’aglio. Unire gli altri elementi per il condimento e scottare il tutto con il brodo. Mantenere il composto umido per la mantecatura.
Lessare i tagliolini in acqua salata, scolarla e mantecarla in padella.
Presentazione del piatto:
Arrotolare la pasta attorno ad una forchetta e sistemare a nido al centro di ogni piatto. Adagiare due sarde nella sommità, condire con ciò che è rimasto in padella e spolverare intorno al piatto con la bottarga.

Vino consigliato: Chardonnay siciliano e perché no azzarderei con un bel vino sempre siciliano con Vitigni Ansonica Cataratto e una punta di moscato tipo il Lignea di Donnafugata

giovedì 16 giugno 2016

Tacchino su fondo di mirtillo

rotolini di tacchino farciti con magro di salsiccia e funghi porcini su coulis di frutti di bosco

Ingredienti per 4 persone
4 fette di fesa di tacchino battuta  con un un batticarne,
g 150 di carne di salsiccia magra senza pelle,
Un po’ di timo fresco o santoreggia,
100 grammi di funghi porcini a fette  secchi fatti rinvenire in acqua tiepida
Olio
Una noce di Burro,
Sale e pepe.
Un bicchiere di brodo vegetale diluito con un po di acqua di vegetazione dei funghi
Per il Coulis di frutti di bosco:
8 Cucchiai di frutti di bosco congelati da scongelare. Riscaldate in una padella  con una spruzzatina di brandy , un cucchiaio raso di zucchero e per addensarlo mezzo cucchiaino di fecola di patata.

Disporre su ciascuna fetta di tacchino una cucchiaiata di salsiccia e qualche fetta di fungo
Spolverare il ripieno con un po’ di timo o di santoreggia. Chiudere gli involtini arrotolandoli e legandoli con lo spago non troppo stretto. Lasciare cuocere nel burro  e olio in un tegame per circa 30 minuti bagnandolo quando necessario con il brodo. Se possibile misurate con termometro digitale l’interno del fagottino (è pronto quando segnala 80 - 85 gradi)
Togliere lo spago e fate tante rondelle spesse un centimetro.
Porre al lato  del piatto alcune fette e su un’altro porre una leccata di coulis di frutti di bosco.

Vino consigliato: Dolcetto d’Alba

giovedì 12 maggio 2016

Olio di Plama

Nuovo allarme sull'olio di palma: facciamo chiarezza

Un recente parere dell'Efsa mette sotto accusa tre composti organici 

che si formano quando gli oli vegetali vengono cotti ad alte temperature


food,alimentazione,salute


Sull'olio di palma è arrivata un'altra batosta. Un recente parere dell'Efsa –
l'autorità europea per la sicurezza alimentare – ha confermato che cotti
a temperature superiori a 200 gradi,
gli oli vegetali sprigionano tre sostanze pericolose per la nostra salute.
Una di queste, il glicidiolo (GE) è considerata genotossica e cancerogena,
per cui il panel di esperti non ha neanche fissato una soglia minima.

Le altre due sono il 2 monocloropropandiolo (2MCPT)
e il 3 monocloropropandiolo (3MCPT).
Per quest'ultima è stata fissata una dose giornaliera tollerabile
(0,8 microgrammi per chilogrammo di peso corporeo al giorno)
mentre per il 2MCPT ci sono ancora troppe poche informazioni
per poterlo fare.

Segue